Galette ai fichi e cioccolato fondente (vegana e senza glutine)

È da fine agosto che bramo terribilmente i fichi dell’albero della nonna, che hanno sempre sancito la fine dell’estate e il preludio dell’autunno alle porte. Con i frutti più maturi ho fatto le confetture, con il resto questa galette che vi assicuro è davvero buonissima! Senza burro, senza uova e glutine, la frolla si prepara facilmente e in un attimo avrete un super dolce da offrire come merenda o per una dolce colazione.

INGREDIENTI

  • 100 g. farina di mandorle
  • 100 g. farina di riso venere (o riso normale)
  • 80 g. cioccolato fondente
  • 50 g. farina di grano saraceno
  • 100 ml di latte di soia o cocco
  • 70 ml di olio di semi
  • 3 cucchiai di zucchero di cocco
  • 5 g. di lievito per dolci

PROCEDIMENTO

-Unite le farine con lievito, zucchero e mescolate.

-Aggiungete il latte vegetale e l’olio, mescolate bene con un cucchiaio e continuate ad impastare con le mani fino ad ottenere un panetto compatto.

-Stendete su un foglio di carta forno e tirate con il mattarello, cercando di dare una forma rotonda.

-Dopo aver sciolto il cioccolato fondente, farcite la parte centrale della frolla, lasciando 3 cm dal bordo.

-Tagliate 5/7 fichi a spicchi (anche con la buccia) e farcite sopra il cioccolato.

-Piegate i bordi della frolla sulla farcitura (anche in modo imperfetto) e infornate a 180 gradi per 30 minuti.

Buon lavoro!

Baci

V.

Torta Pinacolada

Una freschissima torta al cocco e ananas, che ricorda il famoso cocktail! Senza glutine e low carb, per di più! Se non amate il sapore del rum nei dolci, potete evitarlo e trasformerete il vostro dessert in un’analcolica Virgin Colada.

INGREDIENTI

  • 150 g. di farina di cocco
  • 50 g. di farina di riso
  • 1 yogurt di soia
  • 2 cucchiai di zucchero di cocco (o altro dolcificante)
  • 1 cucchiaio di stevia
  • 1/2 bicchiere di succo di arancia
  • 1 uovo
  • 4 fette di ananas (1 cm circa)
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • 1 cucchiaio di Rum o aroma al rum

PROCEDIMENTO

-In una tortiera (ricoperta da carta forno) posizionate le fette di ananas e spolveratele con un cucchiaio di zucchero.

-Unite gli ingredienti liquidi con il restante zucchero, la stevia e mescolate molto bene.

-Unite al composto liquido le farine con il lievito e mescolate bene.

-Versate il tutto nella tortiera (sopra le fette di ananas) e infornate per 25 minuti a 175 gradi.

Conservate in frigorifero, servitela dopo averla tolta almeno 10 minuti prima.

Buon lavoro!

V.

Frolla di grano saraceno, con crema vegana fredda al cioccolato e lamponi

Ho sempre bisogno di cioccolato! Anche in estate, anche con 35 gradi! Accendere il forno è stata un’impresa oggi, ma avevo troppa voglia di una torta cioccolatosa e allo stesso tempo fresca, da mangiare a colazione o dopo cena spaparanzata davanti al ventilatore! La frolla è senza glutine e senza grassi, con stevia e zucchero di canna, e la crema è fatta solo con cacao e latte vegetale. Una torta leggerissima, bilanciata e adatta a tutti i tipi di intolleranze. 

Ingredienti frolla 

  • 200 g. di farina di grano saraceno 
  • 50 g. di farina di riso
  • 1 uovo 
  • 1 yogurt di soia 
  • 50 g.di stevia
  • 20 g. di zucchero di cocco 
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci

Ingredienti crema

  • 500 ml di latte vegetale (mandorla, cocco o soia) 
  • 40 g. di stevia 
  • 1 cucchiaio di amido di riso 
  • 50 g. di cacao amaro in polvere
  • 50 g. di lamponi 

Procedimento frolla

  • Unite le farine con il lievito e a parte l’uovo con zucchero, stevia e yogurt. 
  • Incorporate gli ingredienti liquidi a quelli secchi, mescolate e formate una palla. 
  • Stendetene 3/4 su un foglio di carta forno e posizionatelo su una tortiera di medie dimensioni (15 cm circa). 

Procedimento Crema

  • Unite amido, stevia e cacao. 
  • In un pentolino versate 250 ml di latte e portate a bollore con gli ingredienti secchi.
  • Aggiungete il restante latte finché non si formerà una crema compatta. 
  • Aggiungete 3/4 dei lamponi. 

Versate la crema sulla base di frolla, e ricoprite con la parte rimanente di pasta “sbriciolandola” con le mani e i lamponi. Conservate in frigorifero. 

Buon lavoro!

V.

Cookies al triplo cioccolato, proteici, vegani e senza glutine

Devo essere sincera: mi sono scordata le uova e non avendo previsto né latte né altri derivati animali, i miei cookies, oltre a essere privi di glutine, zucchero e super proteici sono anche vegan e ovviamente super buoni!

INGREDIENTI

  • 150 ml di latte di mandorla senza zucchero
  • 40 g. di aveva senza glutine
  • 100 g. di farina di mandorle
  • 40 g. di farina di riso
  • 4 cucchiai di stevia
  • 1 cucchiaio di burro d’arachidi
  • 2 cucchiai di proteine in polvere (io utilizzo quelle di riso, della BiotechUsa)
  • 80 g. di cioccolato fondente al 70%
  • 2 cucchiai di cacao amaro
  • 1 bustina di lievito per dolci

PROCEDIMENTO

-Sciogliete a bagnomaria il cioccolato con il burro d’arachidi, il latte di mandorla, la stevia e le proteine.

-Aggiungete le farine e il lievito, mescolate molto bene e riempite dei pirottini per muffin con due cucchiai di composto.

-Infornate a 170 gradi per 30 minuti.

Attenzione! Creano dipendenza! 🤪

Torta di segale alle pesche e pezzi di cioccolato fondente

Devo dire che ultimamente le torte da “colazione” mi avevano un po’ stufata. Con la bella stagione solitamente prediligo una colazione a base di torte fredde o fette biscottate, yogurt e frutta, ma ieri pioveva, l’aria era fresca e ho voluto provare una ricetta che mi saltellava in testa da un po’: una torta con la farina di segale. Pensavo risultasse un po’ amara, invece è uscita perfetta, umida ed equilibrata con il contrasto delle pesche e del cioccolato fondente.

INGREDIENTI

  • 200 g. di farina di segale
  • 50 g. di farina di tipo 2
  • 2 uova
  • 60 ml di olio di girasole
  • 70 ml di latte vegetale
  • 4 pesche mature
  • 100 g. di cioccolato fondente
  • 3 cucchiai di zucchero di cocco
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • 1 bustina di lievito per dolci

PROCEDIMENTO

– Tagliate le pesche a pezzetti e sfumatele in padella con il vino.

-Unite le farine al lievito.

-Sbattete le uova con l’olio, lo zucchero, il latte e incorporate pian piano gli ingredienti secchi.

-Tagliate grossolanamente il cioccolato e aggiungetelo, insieme alle pesche, all’impasto.

-Versate in una tortiera max di 24 cm a bordo alto e infornate a 175 gradi per 45 minuti.

Lasciate raffreddare bene prima di togliere il dolce dalla tortiera!

Buon lavoro!

Baci

V.

Come iniziare a correre

Prima di cominciare a correre – 5 anni fa – guardavo i runner come se fossero alieni di uno strampalato pianeta , arrivati sulla Terra per far sentire gli essere umani delle creature mollicce e grassottelle, dall’alto dei loro fisici sinuosi.

Ho praticato molti sport nella mia vita, fin da piccola, ma l’unica gloria che ho ricevuto nell’ambito sportivo è stata proprio la corsa: alle campestri scolastiche ero sempre sul podio, eppure non ho mai preso in considerazione l’idea di iscrivermi a qualche squadra di atletica, preferendo continuare con la danza e il nuoto.

Nel 2015, invece, non ho rinnovato l’abbonamento in palestra (dove frequentavo corsi noiosissimi brucia grassi e rassoda chiappe): una sera ho deciso di scaricare Runtastic e di buttarmi in strada per cominciare seriamente con quella che sarebbe diventata una bella passione.

Volete iniziare a correre, ma non sapete da dove cominciare? Ecco allora delle semplici regole essenziali per farlo!

  1. SCARPE DA CORSA

Lasciate stare l’abbigliamento super tecnico e costoso, quello potete acquistarlo con il tempo. Concentratevi e investite bene il vostro denaro, invece, in un buon paio di scarpe da corsa. Sono fondamentali non solo per correre meglio, ma soprattutto per evitare infortuni poco piacevoli! Per le prime paia di scarpe affidatevi ai commessi dei negozi di sport, che solitamente sono disponibili a dare preziose indicazioni.

2. CONTA PASSI/KM

Esistono molte app, come Adidas Running by Runtastic, Strava gps o Nike run club” per monitorare i vostri allenamenti, perché fin dall’inizio consiglio di porvi degli obbiettivi da raggiungere per migliorare costantemente.

3. ALTERNA CORSA E CAMMINATA

Per chi lo sport l’ha sempre snobbato, consiglio di iniziare con la camminata alternata alla corsa, soprattutto per abituare non solo legamenti e muscoli, ma anche l’apparato respiratorio e cardiocircolatorio.

1 km di camminata alternato a 1 km di corsa per 3 volte (tot. 6 km) può essere un buon inizio, per esempio.

4. ALIMENTAZIONE

Si tratta di un aspetto fondamentale per chi pratica sport, soprattutto per chi inizia con un lavoro aerobico importante. Il corpo infatti, essendo una macchina perfetta, userà immediatamente gli zuccheri (carboidrati) contenuti nel serbatoio; ecco perché uno spuntino leggero a base di alimenti facilmente assimilabili è l’ideale per affrontare un buon allenamento: una mela e una manciata di frutta secca, una fetta di pane con della marmellata, un pacchetto di crackers con un paio di fette di bresaola possono essere degli esempi di “benzina” di cui il nostro organismo avrà bisogno.

Sconsiglio l’allenamento a digiuno: in primo luogo, come già detto, se manca la benzina la macchina non parte; in secondo, prima di forzare troppo l’organismo, imparate e dosare meglio le energie e ascoltate il vostro corpo nella corsa. Magari più avanti farò un articolo sulla corsa e il dimagrimento e il concetto di “correre a digiuno”, ma è un discorso articolato e merita uno spazio tutto per se.

5. TEMPI DI RECUPERO ADEGUATI

Correre tutti i giorni? Assolutamente sì, ma non all’inizio! il corpo, dopo un allenamento, ha bisogno di tempi di recupero per fare in modo che ossa, muscoli e tendini si ristabiliscano; se non rispettate i tempi giusti rischierete infortuni e soprattutto prestazioni poco soddisfacenti. Nelle giornate off potreste dedicarvi, per esempio, ad allenamenti anaerobici come sollevamento pesi (rinforzando la muscolatura), pilates o yoga.

6. CONDIVIDI I TUOI RISULTATI CON GLI ALTRI

Sembrerà infantile, ma condividere il risultato di un allenamento con le persone è altamente stimolante! Sui social network o come vi pare, pavoneggiarvi di una corsa ben fatta da grandi soddisfazioni, perché ricordate che ad un certo punto verrete guardati anche voi con ammirazione e invidia da chi reputa attività fisica salire le scale o passeggiare al centro commerciale.

7. STRETCHING

FONDAMENTALE! Dopo ogni allenamento eseguite allungamenti per almeno 10 minuti: aiuta a rilassare i muscoli, aumentando flessibilità ed elasticità recuperando più in fretta.

E ricordate:

” L’unità di misura delle mie corse non è ne la distanza, né il tempo… è la felicità!” (S.B)

Buon inizio !

Bacini

V.

Torta mele e uvetta al grano saraceno

Sapete che il grano saraceno non è un cereale, ma una poligonacea (una famiglia di erbe o meglio piante)? È naturalmente privo di glutine e ricco di vitamine e minerali, e in cucina è molto utilizzato per la sua versatilità.

Avevo voglia di un dolce classico e rustico per la colazione del weekend, da inzuppare lentamente davanti ad una serie tv, e una torta con mele e uvetta era quello che mi ci voleva.

Ingredienti

  • 300 g. di farina
  • 800 g. di mele
  • 250 g. di farina di grano saraceno
  • 50 g. di farina di riso
  • 3 uova
  • 50 g. di miele
  • 50 g. di zucchero di cocco
  • 70 g. di latte
  • 80 ml di olio di semi
  • 120 g. di uvetta
  • Cannella in polvere qb
  • 1 bustina di lievito in polvere per dolci

Procedimento

-Sbucciate le mele, tagliatele a fettine sottili e cospargetele con succo di limone.

-Mettete a bagno l’uvetta in acqua per minimo 20 minuti.

-Montate le uova con il miele e lo zucchero, aggiungete olio e latte e continuate a mescolare.

-Aggiungete poi la farina setacciata con il lievito e la cannella e mescolate fino a ottenere un composto omogeneo.

-Strizzate l’uvetta; aggiungetene 2/3 all’impasto insieme alle mele (anch’esse 2/3).

-Versate in una tortiera da 24 cm, distribuite sulla superficie le mele facendole leggermente affondare.

-Cospargete infine con il resto dell’uvetta e delle mele, e infornate a 180 gradi per 40 minuti.

Buon lavoro!

Baci

V.

Torta al limone con confettura di ciliegie

La torta al limone è semplice, delicata, soffice e profumata. L’ho voluta rendere ancora più golosa, aggiungendo un cuore di confettura di ciliegie “Rigoni Asiago”, e devo dire che il risultato è stato ottimo. Ho usato il solito olio al posto del burro, miele per dolcificare, farina di riso e di grano saraceno per renderla senza glutine (farina integrale al posto di quella al grano saraceno e 00 al posto di quella di riso).

INGREDIENTI

  • 2 uova
  • 150 g. di farina di riso
  • 100 g. farina di grano saraceno
  • 3 cucchiai di miele
  • Succo di 2 limoni
  • Scorza grattugiata di 2 limoni
  • 60 g. di olio di semi
  • 50 g. di yogurt greco
  • 1 bustina di lievito per dolci

PROCEDIMENTO

-Spremete il succo di limone e grattugiate le scorza.

-Sbattete le uova con il miele e aggiungete l’olio mescolando bene.

-Unite il succo e la scorza dei limoni.

-Dopo aver setacciato le farine con il lievito, unitele al composto liquido un po’ alla volta, mescolando bene.

-Versate metà composto in una tortiera di 22 cm, aggiungete la confettura (lasciando almeno 2/3 cm dai lati) e versate il rimanente.

-Infornate per 40 minuti a 175 gradi.

Buon lavoro!!

Torta banana, noci e cioccolato

Avevo una banana nel cesto della frutta, bella matura da sentirne il profumo fino in bagno. Allora ho deciso di preparare una torta con la sua polpa, aggiungendo pezzi di cioccolato e noci, senza burro, zucchero e con farine poco raffinate.

È uscita una meraviglia… tutta da inzuppare: provatela!

INGREDIENTI

  • 1 banana molto matura
  • 80 g di miele
  • 2 uova intere
  • 60 ml di olio di semi (o girasole)
  • 100 g di farina integrale
  • 50 g di farina di grano saraceno
  • Mezza bustina di lievito per dolci
  • Cannella in polvere qb
  • 60g di noci a pezzi
  • 50g di scaglie di cioccolato fondente

PROCEDIMENTO

-In una ciotola schiacciate la banana e mescolate bene aggiungendo il miele, l’olio e le uova.

-Unite le farine e il lievito e aggiungetele al composto liquido mescolando per 5 minuti, incorporate la cannella e 3/4 di noci e cioccolato.

-Versate il tutto in una tortiera e decorate con le noci e il cioccolato avanzati.

-Infornate per 30 minuti a 175 gradi.

Si conserva anche per 2/3 giorni sotto una campana di vetro.

Buon lavoro!

Baci

V.

Girelle danesi classiche o ai lamponi

Ho finalmente ricominciato a correre e nei primi giorni – mentre il corpo si riabitua allo sforzo intenso – ho una fame e pazzesca… quella fame di carboidrati nudi e crudi, tanto da poter svaligiare una forneria.

Ecco dove è nata l’idea di preparare una colazione energetica, super golosa, ma sempre sana.

Non fatevi scoraggiare, la ricetta è facile e semplice…

Per il pan brioche

  • 250 g. Farina Manitoba
  • 280 g. Farina 00
  • 12 g. di lievito di birra fresco
  • 250 ml di latte senza lattosio
  • 1uovo
  • 80 g. di miele
  • 60 g. di olio

Per le girelle alla crema

  • 250 ml di latte
  • 3 tuorli medi
  • 50 g. di zucchero di cocco
  • Scorza di mezzo limone
  • Gocce di cioccolato fondente qb
  • Cannella in polvere qb

Per le girelle alla marmellata e lamponi

  • Marmellata di fragole o lamponi
  • Lamponi freschi

Procedimento

-Setacciate in una ciotola le farine.

-Sbriciolate il lievito in una ciotola, unite il latte leggermente tiepido e mescolate fin quando non si sarà completamente sciolto.

-Incorporate l’uovo, il miele e l’olio. Mescolate bene per 5 minuti poi iniziate, un poco alla volta, ad incorporare le farine setacciate. Appena l’impasto inizia a prendere consistenza, continuate a lavorare con le mani, fin quando non otterrete un impasto morbido e omogeneo.

-Coprite il panetto con la pellicola e lasciatelo lievitare per 30 minuti.

-In una ciotola sbattete i tuorli con lo zucchero, fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso.

-Scaldate il latte a fiamma bassa insieme alla scorza di limone; quando sarà caldo, ma non bollente, eliminate la scorza e unite le uova sbattute con lo zucchero. Cuocete a fiamma moderata mescolando con la frusta fin quando la crema non avrà assunto una consistenza densa e compatta. Trasferite la crema in una scodella, copritela con la pellicola a contatto e lasciatela raffreddare.

-Trascorso il tempo di riposo dell’impasto, posizionatelo su un foglio di carta da forno e stendetelo con il matterello dandogli forma di un rettangolo dello spessore di circa ½ cm.

-Spalmate la crema su metà rettangolo, lasciando vuoto un cm tutto intorno, e spolverate con la cannella. Sopra alla crema distribuite un poco di gocce di cioccolato.

-Sull’altra metà stendete la marmellata e coprite con i lamponi.

-Aiutandovi con la carta forno arrotolate la pasta

-Con un coltello e un taglio netto, affettate il rotolo in tante girelle di 2 cm di spessore. Man mano che le tagliate, trasferite le girelle in una teglia rivestita di carta da forno, distanziandole per bene perché crescono molto. Non preoccupatevi se con il taglio si schiacciano, potete ridargli forma una volta trasferite nella teglia. Lasciate lievitare in forno spento 40 minuti.

Cuocete in forno preriscaldato 170°C per 20 minuti.

Buon lavoro!

Bacini

V.