Crostata al cioccolato #senzaburro #senzazucchero

Ve lo devo confessare: il profumo di burro delle crostate è qualcosa di imparagonabile. Infatti ogni volta che ne preparo una senza il morbido latticino non è mai la stessa cosa, siamo realistici, ma – avendo a disposizione delle ottime alternative – possiamo ricreare comunque frolle ottime e super leggere!

INGREDIENTI

  • 100 g. farina di avena (o integrale)
  • 100 g. farina di riso
  • 2 cucchiai di burro di arachidi senza zuccheri aggiunti
  • 3 cucchiai di miele
  • 1 uovo
  • 1/2 bustina di lievito per dolci
  • 2 cucchiai di cacao amaro
  • 100 g. di cioccolato fondente
  • 1 cucchiaio di crema al cioccolato o nocciole
  • 2 cucchiai di latte

PROCEDIMENTO

-Unite e mescolate farine, lievito e cacao.

-Sbattete l’uovo con il burro di arachidi e il miele formando una crema, unite agli ingredienti secchi formando un panetto liscio, lasciate riposare per 20 minuti.

-Nel frattempo sciogliete a bagnomaria il cioccolato fondente con la crema e il latte.

-Stendete 2/3 del panetto in una tortiera (max 16 cm a bordi alti) e farcite con il cioccolato, formate delle strisce con la frolla rimanente e decorate e piacere.

-Infornate per 30 minuti a 170 gradi.

Buon lavoro!

Baci

V.

Muffin fragole e cioccolato #senzaglutine #senzaburro #senzazucchero

È iniziato il periodo in cui metterei le fragole in ogni mio dolce, le adoro! E in più sono altamente instagrammabili!

I miei muffin sono senza glutine, senza burro e senza zucchero, con poche calorie. Buonissimi e leggeri, io e il mio fidanzato li abbiamo finiti in due giorni!

INGREDIENTI (per 12 muffin)

  • 100 g. di farina di riso
  • 50 g. di farina di grano saraceno
  • 50 g. yogurt greco
  • 1 uovo intero e 2 albumi
  • 2 cucchiai di stevia
  • 1 cucchiaio di miele
  • 10 fragole
  • 30 g. di gocce di cioccolato fondente
  • 1/2 bustina di lievito per dolci

PROCEDIMENTO

-Tagliate le fragole a pezzetti piccoli. Montate le uova con stevia e miele, fino ad avere un composto chiaro e spumoso. Aggiungete alle uova montate lo yogurt e mescolate.

-Versate anche la farina setacciata con il lievito per dolci e mescolate per bene; aggiungete poi 3/4 di fragole e 3/4 di gocce di cioccolato e mescolate ancora. Distribuite due cucchiai di composto negli stampini per muffin e decorate con le fragole e le gocce rimanenti.

-Infornate per 20 minuti a 170 gradi.

Lasciate raffreddare bene prima di togliere i muffin dagli stampini.

Buon lavoro!

Baci

V.

Torta cocco e crema al limone #senzazucchero e #senzaburro

La torta più profumata che abbia mai fatto! Il cocco e il limone donano delicatezza e leggerezza ai dolci , tanto da essere adatti anche ad un fine pasto od una merenda.

È facilissima, allacciatevi il grembiule 😊

INGREDIENTI per la pasta :

  • 100 g. farina integrale
  • 50 g. farina di riso
  • 50 g. Farina di cocco
  • 2 cucchiai di zucchero di cocco
  • 50 g. di albume
  • 1/2 bicchiere di latte senza lattosio
  • 1 limone spremuto

INGREDIENTI per la crema :

  • 250 ml di latte senza lattosio
  • 250 ml di latte di cocco
  • Scorza grattugiata di 1 limone
  • 1 cucchiaio di stevia
  • 30 g, di amido di riso
  • 10 g. di farina di cocco

Le vacanze ai tempi del Coronavirus

Non sarà un’estate come le altre: chi potrà andare in vacanza dovrà fare i conti con restrizioni e misure che limiteranno la libertà personale a favore della sicurezza. Ebbene sì, anche quando la fase “acuta” sarà passata, la convivenza con il Covid-19 farà parte della nostra quotidianità, anche quando la spensieratezza delle vacanze busserà alle porte. 

Il Ministero della Salute non ha ancora dato nessuna indicazione precisa a chi opera nel turismo: l’unica voce è che la nostra Italia sarà probabilmente la meta a cui dovremo puntare, non solo per una questione ideologica, ma soprattutto logistica e di sicurezza. 

Ma dove andare? Dove prenotare per evitare caos, assembramenti e soprattutto situazioni poco gradevoli? Forse quello che ci vuole è prendere in considerazione una vacanza fuori dagli schemi, pensando che un gin-tonic ad una festa affollata su una rinomata spiaggia potremmo anche berlo l’anno prossimo.

AVVENTURE IN MONTAGNA ZAINO IN SPALLA

Avete mai visto il sole sorgere dietro le montagne? O provato a mungere una mucca assaggiando i prodotti tipici di una malga? Sulle vette italiane c’è la possibilità di vivere esperienze mozzafiato, adatte a grandi e piccini, e ovviamente fuori dalle coordinate standard della classica vacanza. 

Da raggiungere a piedi, in mountain-bike o addirittura a cavallo, molti rifugi in alta quota offrono la possibilità di soggiornare organizzando escursioni, attività per i più piccoli e ovviamente percorsi enogastronomici d’eccellenza per assaporare i piatti del territorio. 

Alcuni consigli: 

  • Malga Campo, Luserna (TN): in una conca trentina verde e soleggiata, c’è il Rifugio Malga Campo, antica malga della famiglia nobile Von Trapp, acquistata dal Comune e trasformata in un rifugio. Qui arrivano ciclisti in mountain bike, appassionati di storia interessati alle vicende della Grande Guerra, ma anche famiglie con bambini e semplici escursionisti (d’inverno con le ciaspole) alla ricerca di tranquillità e cucina del territorio. 

In generale, il Trentino offre svariate attività per ogni esigenza: sui siti https://www.visittrentino.info/it, https://www.iltrentinodeibambini.it e https://www.trentinorifugi.com potete trovare molte informazioni per organizzare al meglio la vostra vacanza. 

  • Rifugio Tita Secchi, Breno (BS): nel cuore del parco dell’Adamello, presso il meraviglioso lago della Vacca, sorge questo rifugio meta di escursionisti che necessitano di una base per visitare le meraviglie del parco. Il rifugio offre oggi tutti i comfort per vivere al meglio questa esperienza. La struttura, completamente rinnovata in ottica ecosostenibile, ben si adatta alle esigenze di famiglie e piccoli gruppi di escursionisti. Il rifugio propone piatti semplici e curati, preparati con amore e attenzione, dove la scelta di prodotti tipici è garanzia di cibi genuini. https://www.rifugiotitasecchi.it/

Per altri rifugi in lombardia https://www.rifugi.lombardia.it/rifugi/ricerca-rifugi vi darà ottime informazioni.

  • Val Ferret- Courmayeur: avete presente le radure dei film Disney dove sorgevano piccole casette abitate da gnomi, bellissime principesse e animali parlanti? A ridosso della mondana Courmayeur c’è una valle incantata immersa in una tranquillità surreale, con la possibilità di alloggiare in rifugi o chalet in affitto. Questa soluzione è adatta per chi vuole assaporare il gusto della montagna senza allontanarsi troppo dalle comodità cittadine.https://www.courmayeurmontblanc.it/it

TOUR ENOGASTRONOMICO TRA I VIGNETI

Sicuramente una vacanza non adatta agli astemi o chi non apprezza un buon bicchiere di vino. In Italia ci sono più di 46.000 produttori di vino, dalle cantine famose in tutto al mondo alle piccole realtà da neanche un migliaio di bottiglie all’anno. Una vacanza non solo all’insegna di degustazioni di vino e prodotti locali, ma anche un tour per conoscere e assaporare le realtà di chi ha messo la propria vita a disposizione della terra e dei suoi frutti. 

Casolari adibiti a B&B sperduti e romantici tra le colline, simpatici vignaioli e ristoratori goliardici sapranno accogliervi con tutta la loro professionalità. 

I miei consigli: 

  • Piemonte, tra Langhe, Roero e Monferrato: l’Unesco lo ha decretato Patrimonio dell’Umanità: 6 zone specifiche, in 29 Comuni diversi, produttrici di Barbera, Barolo, Barbaresco e Moscato. http://www.langheroero.it/
  • Lombardia, la Franciacorta: le bollicine Italiane più famose nel mondo, una strada del vino ricca di fascino e tradizioni. https://www.franciacorta.net/it/
  • Toscana, tra Chianti e Val d’Orcia: dal Sangiovese al Brunello, dal Chianti classico al vino Nobile di Montepulciano, rossi spettacolari con un invecchiamento importante rappresentano l’essenza del territorio. https://www.chianti.it/http://www.valdorcia.it/

IN BARCA TRA I MARI DELL’ITALIA

Dalla Sardegna alla Sicilia, la vacanza in barca, a vela o a motore, è sicuramente la più adatta per chi ama il mare, preferendo però spiagge e luoghi troppo affollati. 

Esistono varie alternative e opzioni per tutte le tasche e per chi necessita di uno skipper, ovvero di una persona che vi guiderà nella vacanza anche a 360 gradi, dalla conduzione della barca, alle pulizie, alla preparazione dei pasti a bordo. 

Per info, visitate i siti https://www.vela-sardegna.com e https://www.sailegadi.com.

Pastiera Napoletana Light

Dopo il mio viaggio a Napoli, ho pensato a come rifare il dolce tipico pasquale della città partenopea in modo più leggero, senza strutto, zuccheri e farine raffinate. Devo dire che ero scettica, invece la mia pastiera è uscita perfetta! Cosi buona che al primo morso, quando affondi i denti nella crema morbida, vedi Castel dell’Ovo baciato dal sole in una giornata di primavera. Nonne napoletane non vogliatemene: le tradizioni non si toccano, ma dovreste provarla! 😉

INGREDIENTI PER LA FROLLA

  • 100 g. farina di farro
  • 50 g. farina di avena
  • 30 g. farina di riso
  • 1 uovo
  • 60 g. yogurt greco
  • 4 cucchiai olio di girasole
  • 2 cucchiai di miele
  • 1 cucchiaio di stevia

INGREDIENTI PER LA CREMA DI RICOTTA

  • 200 g. ricotta vaccina (senza lattosio o normale)
  • 2 cucchiai di stevia
  • 1 uovo
  • Cannella
  • 15 g. di pinoli

INGREDIENTI PER LA CREMA DI GRANO

  • 100 g. grano cotto
  • 100 ml. latte (senza lattosio o normale)
  • 1 cucchiaio di scorza di arancia
  • 1 cucchiaio di scorza di limone
  • Cannella

PROCEDIMENTO

– Portate a bollore per 15 minuti la crema di grano insieme a latte, scorze e cannella, rimescolando ogni tanto, finché non si addensa.

-Per la frolla unite – setacciate in una ciotola – le farine. A parte sbattete uovo, miele, olio e yogurt greco.

-Incorporate il composto liquido alle farine e formate un panetto liscio. Prendetene quindi 2/3 e stendetelo con l’aiuto di un matterello su carta forno. Prendete poi la vostra tortiera da 16 cm, e sistemare la frolla. Attenzione: i bordi dovranno esser alti per farci stare il ripieno.

-Preparate poi la crema di ricotta, frullando tutti gli ingredienti insieme per ottenere un composto liscio.

-Una volta che la vostra crema di grano si è stemperata, aggiungete la crema di ricotta: (togliete le scorze di arancia e di limone dalla crema) e i pinoli!

-Versate poi tutto dentro la base di frolla. Con la parte restante, create le strisce decorative.

-Infornate poi a 180°C forno statico per 40 minuti.

Servite fredda, mi raccomando!

Buon lavoro.

Baci

V.

“Superfood”: mito o realtà?

“Superfood”: decantati o millantati? Conosciamo davvero questi alimenti dall’elevata capacità nutritiva? È solo un effetto marketing oppure c’è qualcosa di vero? in molti casi si tratta appunto di slogan, tanto che dal 2007 l’Unione Europea ha vietato l’uso di questa denominazione sulle confezioni.

Vale la pena spendere cifre spesso non indifferenti per acquistarli o possono essere sostituiti con alimenti presenti da sempre sulle nostre tavole e – soprattutto – più economici? Ecco alcuni alimenti più comuni da analizzare.

SEMI DI CHIA. Pianta floreale originaria del centro-sud America, si dicono “superfood” grazie al contenuto straordinariamente alto di omega-3: 17 g. su 100 di semi di chia, quasi otto volte più del salmone! Ma gli omega-3 della chia sono differenti da quelli del pesce, noi li assimiliamo diversamente e in modo meno efficiente. Per chi segue una dieta vegetariana o vegana, i semi di chia possono essere però una fonte importante di omega-3: anche in questo caso, però, c’è chi fa meglio: i semi di lino, per esempio, con 22 g. ogni 100 g. di prodotto.

AVOCADO. I benefici di questo frutto stanno tutti negli acidi grassi mono-insaturi, proprietà confermate dagli studi scientifici, anche se gli acidi grassi monoinsaturi si ottengono comunemente da molte altre fonti tipiche della dieta mediterranea, dalla frutta secca all’olio di oliva. Attenzione poi alle calorie, un frutto intero si aggira intorno alle 234 kal.

BACCHE DI GOJI. Rinforzano il sistema immunitario, apportano generici benefici su molti acciacchi perché ricche di vitamina C. In realtà anche dei semplici limoni vincono però alla grande per la quantità di vitamina, con 53 mg. su 100 g. Le bacche contengono alti livelli di zeaxantina (7,38 mg per 100 grammi di prodotto), un carotenoide che ha comprovati effetti positivi sulla degenerazione del tessuto oculare legata all’età. Anche da questo punto di vista, però, per restare in tema di alimenti, i veri superdotati sono gli spinaci con 12 mg per 100 g.

ALGHE. Le alghe commestibili sono presenti nei nostri negozi e nella cucina fusion asiatica, e sono considerate ricche di vitamina B12, iodio, calcio e ferro. Ma il calcio si trova anche abbondantemente nel formaggio, o nel tofu, così come il ferro è ricco nelle lenticchie e nei muesli. Quanto allo iodio fate attenzione, perché potrebbe avere riscontri negativi sulla tiroide.

Attenzione quindi alle bufale da supermercato, l’informazione è primaria anche prima di fare la spesa.

E non è tutto oro quel che luccica…

Baci

V.

Peperoni ripieni vegetariani

I peperoni al forno mi ricordano i contorni “importanti” della nonna la domenica a pranzo, farciti di carne o con il classico ripieno alla bresciana.

I miei peperoni sono invece un piatto unico, leggero, farciti con un ripieno a base di tofu. Non sono vegani per la presenza di uova, che potete sostituire con un 1/2 bicchiere di latte vegetale, per renderlo meno asciutto se volete un piatto senza proteine animali.

INGREDIENTI (per 2 persone)

  • 1 peperone giallo e 1 rosso
  • 125 gr. di tofu al naturale
  • 1 scalogno
  • Una manciata di capperi sotto sale
  • Prezzemolo qb
  • Sale qb
  • Pepe qb
  • 4 pomodorini pachino

PROCEDIMENTO

-Tagliate i peperoni a metà e svuotateli.

-In una pentola versate un filo d’olio e soffriggete lo scalogno per qualche minuto; aggiungete poi il tofu tagliato a cubetti con i pomodorini, aggiustate di sale e pepe e cuocete per 10 minuti a fiamma bassa.

-In un altro recipiente unite tofu, uovo, capperi e prezzemolo e frullate con un minipimer per qualche secondo (senza rendere poltiglia il ripieno).

-Farcite i peperoni e infornate per 30 minuti a 180 gradi.

Allacciate i grembiuli e buon appetito!

Baci

V.

Jeans e pantaloni per ogni Body Shape

Ogni corpo segue naturalmente una propria forma, con proporzioni diverse indipendentemente da taglia o peso. Con la consapevolezza adeguata possiamo valorizzare i punti forti e migliorare quelli deboli, magari scegliendo il pantalone giusto, capo che può magicamente allungare gambe o definire punti vita non da “vespa”.

E voi sapete qual è la vostra body shape? Individuatela, e di conseguenza anche i capi che si adattano meglio.

“DONNA PERA”

Il fisico a pera è considerato (insieme a quello a clessidra) molto sensuale, simbolo di prosperità e femminilità. La donna pera presenta queste caratteristiche:

  • minuta nella parte superiore del corpo con spalle strette
  • seno piccolo e pancia piatta
  • ossa del bacino larghe con cosce pronunciate
  • accumulo di peso dalla vita in giù

Il punto di forza è la vita, mentre il punto debole sono i fianchi e le gambe: l’obbiettivo è quindi quello di bilanciare le due parti.

Dobbiamo prediligere perciò jeans e pantaloni con effetti ottici che slancino la gamba e la rendano più sottile.

Ok ✅: Pantaloni a palazzo, zampa, bootcut, gamba dritta (solo scuri e con tacco). Via libera alla vita alta!!!

No ❌: Skinny elasticizzati, pantaloni a vita bassa, mum jeans e quelli stretti alla caviglia.

“DONNA CLESSIDRA”

La clessidra è una fisicità molto sinuosa, con curve e una formosità da tipica donna mediterranea:

  • seno prosperoso
  • vita sottile
  • ossa del bacino larghe
  • uniforme accumulo di peso
  • forme proporzionate

Il punto di forza è il punto vita, che andrebbe evidenziato, mentre il punto debole sono i fianchi o le gambe se sono tornite.

Ok ✅: Pantaloni a vita alta (palazzo, caprese, scampanati, mom jeans) e se avete la gamba magra anche skinny, sigaretta o leggins (ma sempre a vita alta).

No ❌: Vita bassa, gli harempants o i boyfriends!

“DONNA MELA”

La “donna mela” è formosa nella parte alta del corpo, e più snella nella parte bassa, e presenta:

  • bacino e spalle della stessa ampiezza, ma addome più largo
  • busto ampio con seno da piccolo a prosperoso
  • gambe magre e dritte
  • accumulo di peso su ventre e girovita

La forza di questo fisicità sono le gambe snelle e slanciate da evidenziare, togliendo l’attenzione da un addome molto morbido, per sfinare la figura e renderla più armoniosa.

Ok ✅: Pantaloni aderenti, skinny, sigaretta, leggins, sbizzarrendovi con colori vivaci per togliere l’attenzione dalla parte alta, che sarà sempre “coperta” con toni più scuri

No ❌: Pantaloni larghi senza una forma

“DONNA RETTANGOLO”

La “donna rettangolo” ha un fisico androgino, asciutto, spesso muscoloso e sportivo. Le sue caratteristiche sono:

  • bacino e spalle della stessa ampiezza
  • punto vita non segnato
  • seno piccolo
  • gambe snelle
  • scarso accumulo di peso o comunque sparso in tutto il corpo

L’anello debole è il punto vita poco marcato, mentre il punto di forza è il fisico complessivamente snello con gambe slanciate, che vanno assolutamente evidenziate. La parola d’ordine è “movimento”.

Ok ✅: Pantaloni elasticizzati, skinny, boyfriend, sigaretta e short anche molto corti. gambe in vista a tutto spiano!

No ❌: Vita alta con maglie aderenti! Abbinatela a camicie o t-shirt morbide rimborsate all’esterno per dare un tocco movimentato al punto vita.

Avete trovato la vostra tipologia di fisico?

Esistono comunque tante varianti ed eccezioni, ma sicuramente sono queste le caratteristiche principali per saper apprezzare la propria fisicità in modo sereno e armonioso.

Un bacio

V.

Plumcake yogurt e marmellata

Semplice e facilissimo da preparare, questo plumcake nasconde un cuore di marmellate ai frutti di bosco. In più, lo yogurt all’interno contribuisce a renderlo alto, soffice e profumato! Ecco la mia ricetta…

INGREDIENTI

  • 200 grammi di farina di riso
  • 100 gr. farina di farro
  • 2 uova
  • 125 gr di yogurt
  • Una bustina di lievito per dolci
  • 100 ml di olio di riso
  • 3 cucchiai di zucchero di cocco
  • 150 gr. di marmellata di frutti di bosco

PROCEDIMENTO

-Rompete le uova in una ciotola e sbattetele con lo zucchero. Aggiungete poi l’olio, lo yogurt e mescolate bene.

-Aggiungete la farina setacciata con il lievito e mescolate fino ad ottenere una crema liscia.

-Trasferite mezzo composto in uno stampo per plumcake e aggiungete la marmellata, ricoprite poi con il restante impasto.

-Infornate per 40 minuti a 180 gradi (fate la prova dello stuzzicadenti per verificare la cottura).

Tutto qui 😉

Buon lavoro, baci.

V.

Risotto “trentino” mele e speck

Mele e speck… abbinamento azzardato, direte voi? Anche io lo pensavo, ma vi assicuro che la bontà di questo risotto oltrepassa ogni pregiudizio! Ecco la mia ricetta.

INGREDIENTI

  • 300 grammi di riso Carnaroli
  • 1 litro di brodo di carne
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 1 cipolla
  • 1 mela piccola
  • 100 gr. di speck in fiammiferi
  • 80 gr. di burro
  • 4 cucchiai di Parmigiano
  • 3 cucchiai di olio
  • Sale qb

PROCEDIMENTO

-Mettete a scaldare il brodo in un pentolino e fate cuocere la mela sbucciata e tagliata a pezzetti.

-Tritate finemente la cipolla e, in una padella con l’olio ben caldo, fatela sfumare con 1/2 bicchiere di vino bianco.

-Aggiungete il riso e fatelo tostare per 2/3 minuti, poi cominciate a incorporare il brodo un mestolo alla volta, finché il riso non lo avrà assorbito tutto. Concludete sfumando con il vino rimasto a fiamma alta e aggiustate di sale.

-Aggiungete il burro, la mela cotta e lo speck. Mescolate velocemente e procedete con l’”onda” finché il burro non si sarà sciolto!

-Finite con il parmigiano e servite subito!

Buon appetito!

Baci

V.